𝙏𝙪𝙩𝙚𝙡𝙞𝙖𝙢𝙤 𝙞 𝙫𝙤𝙨𝙩𝙧𝙞 𝙥𝙧𝙤𝙙𝙤𝙩𝙩𝙞 𝙘𝙤𝙣𝙩𝙧𝙤 𝙡𝙖 𝙘𝙤𝙣𝙩𝙧𝙖𝙛𝙛𝙖𝙯𝙞𝙤𝙣𝙚

Hpc Italia presenta L’additivo #Verimaster, attraverso una sofisticata tecnologia, esplica una efficace azione di taggante #anticontraffazione, potendo essere inserito in materiali plastici, inchiostri, vernici, come ad esempio su etichette per 𝗮𝗯𝗯𝗶𝗴𝗹𝗶𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼, 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗱𝗼𝘁𝘁𝗶 𝗮𝗹𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗮𝗿𝗶, 𝗱𝗶 𝘃𝗶𝗻𝗼 𝗲 𝗼𝗹𝗶𝗼, 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗳𝘂𝗺𝗶.
L’utilizzo del taggante Verimaster, di semplicissimo rilevamento attraverso apposito lettore ottico o sonoro, consente di:– 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗼𝗹𝗹𝗮𝗿𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗼𝗱𝗼𝘁𝘁𝗼 𝗰𝗵𝗲 𝗹𝗼 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶𝗲𝗻𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝘀𝗶𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗮𝗳𝗳𝗮𝘁𝘁𝗼 (smascherando subito eventuali truffe e falsi);– 𝗽𝗼𝘁𝗲𝗿 𝗳𝗮𝗰𝗶𝗹𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗽𝗿𝗼𝘃𝗮𝗿𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝘂𝗻 𝗽𝗿𝗼𝗱𝗼𝘁𝘁𝗼 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗲𝘀𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗲̀ 𝗶𝗻 𝗿𝗲𝗮𝗹𝘁𝗮̀ 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗮𝗳𝗳𝗮𝘁𝘁𝗼 (se per caso vengano intentate azioni penali per difetti o danni);– 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗼𝗹𝗹𝗮𝗿𝗲 𝗮 𝗰𝗮𝗺𝗽𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗹𝗮 𝗽𝗿𝗼𝗱𝘂𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲, se il prodotto o parte di esso è esternalizzato all’estero e si vuole essere certi che il materiale impiegato sia quello fornito al sub-fornitore.
Verimaster può essere personalizzato sulla base delle esigenze aziendali

𝗩𝘂𝗼𝗶 𝘁𝘂𝘁𝗲𝗹𝗮𝗿𝗲 𝗶 𝘁𝘂𝗼𝗶 𝗽𝗿𝗼𝗱𝗼𝘁𝘁𝗶 𝗱𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗮𝗳𝗳𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲?

Se ritieni di dover tutelare la tua produzione, che sia vino, olio, abbigliamento e qualunque altro tipo di prodotto che necessiti di una tutela di qualità, abbiamo la soluzione ideale. Semplice, conveniente e ad alta tecnologia che impedisce ogni alterazione o contraffazione.

Rivolgiti a noi, ti aiuteremo ad individuare la migliore soluzione per garantire la qualità del tuo lavoro

Efficacia specifica di Biomaster rispetto al virus SARS-CoV-2

Quali distributori in esclusiva per l’Italia dei prodotti Addmaster, come HPC srl siamo lieti di annunciare che, dopo numerosi test, possiamo confermare che Biomaster risulta attivo sia su substrati porosi che non porosi specificatamente contro il virus SARS-CoV-2.

SARS-CoV-2 è il virus che causa il Covid-19 ed è un ceppo della famiglia dei Coronavirus (esistono infatti altri Coronavirus, con gradi di pericolosità molto diversi nei confronti dell’uomo o degli animali).

Fino a tempi molto recenti, solo i laboratori governativi erano autorizzati a trattare il virus SARS-CoV-2, a causa della estrema virulenza e della pericolosità del ceppo. Ma ora alcuni laboratori selezionati di Classe 3 in tutto il mondo sono in grado di testare i prodotti secondo lo standard ISO  specifico per azione virale:

ISO 21702 è il test per le superfici non porose

ISO 18184 è il test per le superfici porose.

Alcune ditte hanno già provveduto alla certificazione di efficacia antivirale; i test sono ovviamente privati ma possiamo comunicare i risultati “medi”:

Il substrato poroso con Biomaster ha mostrato mediamente una riduzione del 68% di SARS-CoV-2

in 15 minuti e> 99% in 4 ore. *

Il substrato non poroso con Biomaster ha mostrato mediamente una riduzione del 60% di SARS-CoV-2

in 2 ore , > 90% dopo 6h e > 99% in 24 ore. *

(I risultati si basano sul confronto con i provini di controllo non additivati con Biomaster)

“Siamo molto entusiasti di condividere questi risultati rivoluzionari con i nostri partner che utilizzano Biomaster, poiché sono stati estremamente pazienti in attesa della disponibilità dell’esito dei test SARS-CoV-2”, commenta Nicola Mauro, CEO di HPC srl.

“Avere i dati per dimostrare che la tecnologia è efficace contro SARS-CoV-2 su entrambi i tipi di substrato è un enorme cambiamento per il settore e ora consentirà alla tecnologia di essere implementata rapidamente in tutti i mercati.

A breve inizieremo a testare rapidamente i prodotti dei nostri clienti secondo gli stessi standard ISO e ci aspettiamo di vedere presto importanti annunci dai nostri partner Biomaster “.

* I risultati mostrano l’efficacia dei soli prodotti protetti da Biomaster. Non garantisce la protezione all’utente o ad altri contro i virus.

COVID-19 e BIOMASTER

COVID19 ICVT

FONTE: ICVT

Abbiamo ricevuto molte domande da parte di clienti e consumatori circa l’efficacia della tecnologia Biomaster contro i virus in generale e sull’ utilizzo contro la diffusione di SARS-CoV-2  che causa il Covid-19.

Una campagna prove, avviata da numerosi clienti, è in corso ed in parte ha già acquisito risultati positivi di efficacia nei confronti specificatamente del SARS-CoV-2;  di seguito le info disponibili allo stato attuale.

PDF: Covid_19 e Biomaster – mar2020

Troppa igiene o troppo poca?

La RSPH, Royal Society for Public Health inglese ha appena pubblicato un nuovo rapporto che chiede la fine del mito secondo cui alcune persone sono “fanatiche dell’igiene”, cioè con comportamenti eccessivamente attenti all’igiene.

Il titolo del report è: troppo pulito o non troppo pulito? segue un sondaggio nazionale che esamina la comprensione e la pratica dell’igiene pubblica e rivela alcuni fraintendimenti chiave che potrebbero aumentare il rischio di diffusione di infezioni.
Il rapporto mostra che;
• Una persona su quattro ritiene che l’igiene domestica non sia importante e che i bambini debbano essere esposti a germi nocivi per costruire il loro sistema immunitario.
• Il mito che essere “troppo puliti” fa male alla salute.
• Gli uomini hanno sempre più probabilità rispetto alle donne di dire che il comportamento non igienico ha un rischio basso o nullo per la salute.
C’è anche molta confusione pubblica sulla relazione tra pulizia e igiene. Due su cinque persone credono che le mani sporche provenienti da giochi all’aperto possano diffondere germi nocivi, nonostante ci siano poche prove che lo sporco all’esterno contenga microbi dannosi.
Oltre un terzo del pubblico crede che lo sporco sia di solito o sempre dannoso.
Batteri buoni contro batteri cattivi
Sebbene molte persone possano identificare i fattori dello stile di vita responsabili di impedire ai bambini di entrare in contatto con batteri che fanno bene alla loro salute – come usare troppi antibiotici e passare troppo tempo al chiuso – quasi altrettanti credono erroneamente che mantenere la propria casa “troppo pulita” ha anche questo effetto
Gli uomini (in Gran Bretagna) sono più del doppio delle donne a pensare che ci sia un rischio basso o nullo associato al non lavarsi le mani con il sapone dopo l’uso del bagno (16% vs 7%), o dopo aver maneggiato carne cruda (8% vs 4%).
Generalmente il pubblico concorda sul fatto che una buona igiene è importante, anche per il suo ruolo nel ridurre la pressione sul Servizio Sanitario Nazionale (73%) e nel contrastare la resistenza agli antibiotici (50%).
Il rapporto sottolinea che entrare all’aperto e interagire con amici, famiglia, animali domestici e l’ambiente naturale è importante per ottenere l’esposizione ai “batteri buoni”, il che è vitale per la costruzione di un microbioma sano (la gamma di microrganismi ospitati dai nostri corpi).
Tuttavia, titoli fuorvianti tratti da sezioni dei media sembrano aver rafforzato il mito secondo cui i bambini dovrebbero essere esposti a germi nocivi per costruire il loro sistema immunitario – un mito dannoso e screditato, ritenuto vero da uno su quattro (23%) del pubblico . Questo equivoco è particolarmente pericoloso in quanto aumenta il rischio di infezione del bambino, che a sua volta richiede antibiotici che possono danneggiare il loro microbioma.
Igiene mirata

L’RSPH chiede l’adozione diffusa dell’igiene designata come il modo più efficace per spezzare la catena dell’infezione.
Scuole, media e produttori di prodotti per l’igiene hanno tutti la responsabilità di sostenere chiari messaggi sull’igiene mirata – sfatare miti, migliorare il benessere dei nostri bambini e ridurre il rischio di epidemie.
La prof.ssa Lisa Ackerley, Trustee RSPH e esperta in igiene alimentare, ha dichiarato: “L’igiene mirata intrapresa nei momenti e nei luoghi cruciali è un modo per prevenire infezioni a basso costo e con poco sforzo, e ti espone ancora a tutti i” batteri buoni ” da cui il corpo trova beneficio.
La buona igiene nella casa e la vita di tutti i giorni aiuta a ridurre le infezioni, è di vitale importanza per proteggere i nostri bambini e ridurre la pressione sul NHS, e ha un ruolo enorme da svolgere nella battaglia contro la resistenza agli antibiotici “.
La professoressa Sally Bloomfield della London School of Hygiene and Tropical Medicine e presidente del Forum scientifico internazionale sull’igiene domestica aggiunge: “Crescente consapevolezza che l’esposizione a microbi” buoni “per costruire un microbioma sano è essenziale per la salute significa che dobbiamo vedere il nostro mondo microbico in modo diverso e adottare stili di vita appropriati.
L’igiene mirata offre uno stile di vita che massimizza la protezione nei momenti in cui si rischia l’esposizione a microbi dannosi, ma allo stesso tempo massimizza l’interazione continua con gli amici microbici provenienti da ambienti umani, animali e naturali. “

Nuovo Sito Web!

HPC srl si pone come punto di riferimento sul mercato italiano per la fornitura di additivi antibatterici a base di ioni argento e di prodotti  per il trattamento delle superfici, certificati antibatterici secondo norma iso 22196/2011.