Troppa igiene o troppo poca?

La RSPH, Royal Society for Public Health inglese ha appena pubblicato un nuovo rapporto che chiede la fine del mito secondo cui alcune persone sono “fanatiche dell’igiene”, cioè con comportamenti eccessivamente attenti all’igiene.

Il titolo del report è: troppo pulito o non troppo pulito? segue un sondaggio nazionale che esamina la comprensione e la pratica dell’igiene pubblica e rivela alcuni fraintendimenti chiave che potrebbero aumentare il rischio di diffusione di infezioni.
Il rapporto mostra che;
• Una persona su quattro ritiene che l’igiene domestica non sia importante e che i bambini debbano essere esposti a germi nocivi per costruire il loro sistema immunitario.
• Il mito che essere “troppo puliti” fa male alla salute.
• Gli uomini hanno sempre più probabilità rispetto alle donne di dire che il comportamento non igienico ha un rischio basso o nullo per la salute.
C’è anche molta confusione pubblica sulla relazione tra pulizia e igiene. Due su cinque persone credono che le mani sporche provenienti da giochi all’aperto possano diffondere germi nocivi, nonostante ci siano poche prove che lo sporco all’esterno contenga microbi dannosi.
Oltre un terzo del pubblico crede che lo sporco sia di solito o sempre dannoso.
Batteri buoni contro batteri cattivi
Sebbene molte persone possano identificare i fattori dello stile di vita responsabili di impedire ai bambini di entrare in contatto con batteri che fanno bene alla loro salute – come usare troppi antibiotici e passare troppo tempo al chiuso – quasi altrettanti credono erroneamente che mantenere la propria casa “troppo pulita” ha anche questo effetto
Gli uomini (in Gran Bretagna) sono più del doppio delle donne a pensare che ci sia un rischio basso o nullo associato al non lavarsi le mani con il sapone dopo l’uso del bagno (16% vs 7%), o dopo aver maneggiato carne cruda (8% vs 4%).
Generalmente il pubblico concorda sul fatto che una buona igiene è importante, anche per il suo ruolo nel ridurre la pressione sul Servizio Sanitario Nazionale (73%) e nel contrastare la resistenza agli antibiotici (50%).
Il rapporto sottolinea che entrare all’aperto e interagire con amici, famiglia, animali domestici e l’ambiente naturale è importante per ottenere l’esposizione ai “batteri buoni”, il che è vitale per la costruzione di un microbioma sano (la gamma di microrganismi ospitati dai nostri corpi).
Tuttavia, titoli fuorvianti tratti da sezioni dei media sembrano aver rafforzato il mito secondo cui i bambini dovrebbero essere esposti a germi nocivi per costruire il loro sistema immunitario – un mito dannoso e screditato, ritenuto vero da uno su quattro (23%) del pubblico . Questo equivoco è particolarmente pericoloso in quanto aumenta il rischio di infezione del bambino, che a sua volta richiede antibiotici che possono danneggiare il loro microbioma.
Igiene mirata

L’RSPH chiede l’adozione diffusa dell’igiene designata come il modo più efficace per spezzare la catena dell’infezione.
Scuole, media e produttori di prodotti per l’igiene hanno tutti la responsabilità di sostenere chiari messaggi sull’igiene mirata – sfatare miti, migliorare il benessere dei nostri bambini e ridurre il rischio di epidemie.
La prof.ssa Lisa Ackerley, Trustee RSPH e esperta in igiene alimentare, ha dichiarato: “L’igiene mirata intrapresa nei momenti e nei luoghi cruciali è un modo per prevenire infezioni a basso costo e con poco sforzo, e ti espone ancora a tutti i” batteri buoni ” da cui il corpo trova beneficio.
La buona igiene nella casa e la vita di tutti i giorni aiuta a ridurre le infezioni, è di vitale importanza per proteggere i nostri bambini e ridurre la pressione sul NHS, e ha un ruolo enorme da svolgere nella battaglia contro la resistenza agli antibiotici “.
La professoressa Sally Bloomfield della London School of Hygiene and Tropical Medicine e presidente del Forum scientifico internazionale sull’igiene domestica aggiunge: “Crescente consapevolezza che l’esposizione a microbi” buoni “per costruire un microbioma sano è essenziale per la salute significa che dobbiamo vedere il nostro mondo microbico in modo diverso e adottare stili di vita appropriati.
L’igiene mirata offre uno stile di vita che massimizza la protezione nei momenti in cui si rischia l’esposizione a microbi dannosi, ma allo stesso tempo massimizza l’interazione continua con gli amici microbici provenienti da ambienti umani, animali e naturali. “